Sulla convergenza di nuovo umanesimo e buddhismo laico

Capita di leggere testi provenienti da tempi fra loro lontani, tradizioni opposte, spazi completamente estranei: diari di mistici medievali, raccolte di poeti modernisti, discorsi di maestri thailandesi, oscure teorie di filosofi francesi, e avere la curiosa impressione che alcuni di loro, non di rado i migliori, stiano disperatamente cercando di dirci le stesse cose. Si … Continua a leggere »

Su una serie di contraddizioni nel tango

Quando rappresentiamo un oggetto operiamo una selezione. Scegliamo tra gli altri un particolare aspetto della percezione fissandolo in un’espressione, un concetto, un’immagine. Il tango argentino, inteso qui come ballo sociale, si è generosamente offerto a questo tipo di operazione, che di volta in volta ne ha enfatizzato un lato: si tratta del ballo della passione, … Continua a leggere »

La danza del risveglio: per una lettura buddhista del tango argentino

Un monaco avvolto in un saio ocra seduto a contemplare la propria mente e un ballerino strettamente abbracciato alla compagna: ci possono essere due esperienze più diverse della vita umana? Da una parte due persone che si stringono petto a petto avvolgendo l’una le spalle o i fianchi dell’altra mentre roteano spinte da una forza … Continua a leggere »